06. novembre 2017
Il caso riguarda una società di scopo per la realizzazione di una centrale idroelettrica. L'Agenzia delle Entrate di Aosta contesta l'emendabilità della dichiarazione dei redditi a posteriori con una dichiarazione a favore oltre i termini ordinari perchè nella fattispecie non si trattava di errore contabile, bensì di opzione agevolativa rimessa alla scelta del contribuente, senza che vi fosse alcun dubbio sulla cumulabilità di tale agevolazione con altre misure agevolative per gli impianti...
02. novembre 2017
L’agenzia delle Entrate non può introdurre nuovi adempimenti attraverso una circolare: non si tratta, infatti, di una fonte normativa e pertanto non può disciplinare situazioni e circostanze non espressamente previste per legge. A confermare questo principio è la Corte di cassazione con un’ordinanza. Nel caso specifico, l’agenzia delle Entrate ha recuperato, con specifico atto, un credito di imposta utilizzato da un contribuente perché sulla fattura di acquisto del bene non era stata...

31. ottobre 2017
In questo caso di tratta di una Tremonti ambientale per due impianti eolici da una società di scopo, dove l'Agenzia delle Entrate di Aosta contesta sostanzialmente le stese cose, ovvero la quantificazione bassa e approssimativa dell'impianto tradizionale alternativo, sostenendo che il paragone andrebbe fatto con una centrale elettrica a vapore e che i gruppi elettrogeni anche definiti "energie portatili" sono destinati ad un utilizzo ben diverso da quello della produzione di energia per la...
30. ottobre 2017
La Commissione Tributaria Provinciale di Ancona, nell’ambito di un contenzioso a fronte della contestazione del criterio adottato per la quantificazione del beneficio di cui alla Tremonti ambientale, ed in particolare il riconoscimento dei costi relativi agli ammortamenti dell’impianto fotovoltaico, accogliendo le motivazioni della ricorrente, dispone che: “…relativamente agli ammortamenti ammissibili, la tesi dell’Ufficio non è condivisibile. In realtà, proprio seguendo il filo...

26. ottobre 2017
A fronte di una Tremonti ambientale per un impianto idroelettrico da una società di scopo, l'Agenzia delle Entrate di Aosta contesta la quantificazione bassa e approssimativa dell'impianto tradizionale alternativo, sostenendo che il paragone andrebbe fatto con una centrale elettrica a vapore (??!!??? questo dimostra, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che le contestazioni non hanno nulla di reale e sono fatte da chi non conosce l'abc della produzione di energia elettrica e non ha nessunissima...
26. ottobre 2017
La Direzione Provinciale dell'Agenzia delle Entrate prima annulla la dichiarazione integrativa e poi la rettifica avvalendosi dell'art. 41 bis del DPR n. 600/1973. Nelle sue controdeduzioni dichiara quindi che non vi sarebbe nessuna contradditorietà o illogicità per il fatto che è stata rettificata una dichiarazione integrativa precedentemente annullata perchè, medio tempore, è cambiata la normativa sulla c.d. integrativa a favore e pertanto quella che era una dichiarazione tardiva e...

16. ottobre 2017
La sentenza Commissione Tributaria Regionale della Lombardia del giugno 2016 è divenuta definitiva in quanto non appellata dall'Agenzia delle Entrate (sentenza passata in giudicato). Inoltre, il MEF (Ministero dell'Economia e delle Finanze), socio unico del GSE, ha pubblicato tale sentenza ad "Uso Ricerca e Studi", in sostanza dando ulteriore valore probatorio alla sentenza. L'accertamento contestava l'avvenuto investimento ambientale e riconosceva illegittima la cumulabilità con il III°...
03. ottobre 2017
La Direzione Provinciale di Cuneo contestava la presentazione di un'integrativa in ritardo rispetto ai termini annuali previsti. Per i Giudici della Commissione Tributaria Provinciale di Cuneo, nella sentenza resa nota qualche giorno fa, invece "...la giurisprudenza recente si è ormai orientata a favore della tesi colta a ritenere che la dichiarazione integrativa possa essere presentata oltre il termine previsto per la presentazione della dichiarazione dell'anno successivo, e ciò in omaggio...

30. agosto 2017
La Commissione Tributaria di Varese ha accolto in toto il ricorso di un cliente da noi assistito, a seguito di silenzio-rifiuto su istanza di rimborso, al quale l’Agenzia delle Entrate si è costituita in giudizio disconoscendo il diritto dell’azienda ad usufruire dell’agevolazione per le seguenti motivazioni: 1) Istanza presentata oltre il termine di 48 mesi dal versamento previsto a pena di decadenza dall’art. 38 D.P.R. 602/1973 2) l’impianto non rientra nel cd. II° conto energia...
12. luglio 2017
Si tratta di un altro contenzioso in cui veniva contestato il criterio adottato per la quantificazione del beneficio di cui alla Tremonti ambientale, ed in particolare il riconoscimento dei costi relativi agli ammortamenti dell’impianto fotovoltaico, sul presupposto che i costi di ammortamento non debbano essere considerati veri e propri costi operativi, ma una mera fictio contabile. I Giudici, confermando quanto già scritto nella precedente sentenza, scrivono: “Questa Commissione reputa...

Mostra altro